Caricamento

Ci riposiamo e facciamo il bucato a Namche

Oggi giornata di relax. Dopo la faticaccia di ieri decidiamo che oggi un po’ di riposo ce lo meritiamo. Ci alziamo con calma e facciamo colazione in sala da pranzo dove i monaci sono già intenti nelle loro preghiere/riti. Recitano, cantano, mangiano e bevono. Poi suonano strumenti musicali strani. Suonano delle trombe che ci sembra di essere allo stadio, e poi tamburi e cose tipo maracas. 🎺
Parlando col gestore capiamo che si tratta di un rito propiziatorio di buona sorte per l’anno a venire. E ogni anno questo gruppo di monaci scende dal monastero di Tengboche fino a Namche Bazar per mettere in atto questo rito alquanto strano.
 Dopo giorni e giorni di cammino, polvere e freddo finalmente riusciamo a fare il bucato (con l’acqua gelata dell’Himalaya ovviamente!). Poveri vestiti, ormai chiedevano pietà. L’acqua residua del lavaggio era di un colore indecente. Quanta polvere avevamo addosso e chissà quanta ne abbiamo respirata. Stendiamo i vestiti al sole, un sole caldissimo e bellissimo. 🌞
Ne approfittiamo anche noi che ci piazziamo sul terrazzo della Guest House fino all’ora di pranzo. Ordiniamo dei momo e dei noodles e con le pance piene andiamo a fare un giro su e giù per le vie del centro.
Namche è il centro abitato più vivo che si incontra lungo la rotta per l’EBC e per tutti gli altri trekking nei dintorni.
Ci sono decine e decine di negozi di abbigliamento tecnico da montagna, souvenir shop e moltissimi locali davvero carini, pub e ristoranti. Troviamo anche un bar che serve caffè italiano. ☕ 😍 Ci fermiamo lì per fare merenda con due fettone di torta squisita e un cappuccino, un vero cappuccino!! 🍰 🍰
Rientriamo alla base con calma, ci godiamo la nostra bella cameretta al sole ancora per qualche ora. Ceniamo e poi nanna. Domani si riparte. ✌🏻
Ema e Lisa

Ema e Lisa

LEAVE A COMMENT