Caricamento

9 ore in “discesa” fino a Namche Bazar

Sveglia ore 6.00. Oggi la strada da fare è tantissima. Puntiamo a raggiungere Namche Bazar. PAZZI. Ci vorranno 8 o 9 ore. Ma ci proviamo!
Facciamo colazione e abbiamo ancora qualche problemino di stomaco (Pepita, che vomita tutto e resta senza forze ancora prima di partire!🙄). 😟 Partiamo per la discesa, ma le forze sono a zero e quindi siamo lenti. Uff.
Lelonso, il componente forte della squadra, si carica sulle spalle due zaini e inizia la discesa come uno dei più abili camosci di montagna. Pepita resta indietro, nonostante la discesa e nessun peso da portare.
 
Poi arriva il momento di ritrovarle quelle forze perdute perché la strada è tanta, Lelonso non può portarsi sulle spalle due zaini per tutto il giorno e il sentiero ricomincia a salire e poi a ridiscendere e a risalire ancora. Le salite sono sfiancanti, la stanchezza inizia a farsi sentire. Per pranzo ci mangiamo uno snickers (avevamo fatto una grossa scorta a Kathmandu prima della partenza e ci stanno salvando in molte occasioni! 🍫) lungo il sentiero e senza perdere troppo tempo ripartiamo. La strada da fare è ancora tanta.
E quando il sole scende dietro alle montagne, il sentiero inizia ad essere invaso dall’ombra e l’aria diventa fresca, i nostri cuori si riempiono di speranza. Vediamo gli stupa che ci indicano che Namche non è troppo lontana! Ormai ci siamo.
E finalmente alle 16:30, dopo 9 ore di cammino, i piedi rotti, le spalle idem, un po’ di fame e tanta stanchezza..
SIAMO ARRIVATI! 😍 🎉
 
Ci dirigiamo subito verso il Nirvana Family Home, la guest house dove avevamo alloggiato all’andata e dove ci eravamo trovati tanto bene. Chiediamo se hanno camere libere.
La risposta è: “Sì, ma…”
Ma??
Ma c’è un piccolo problema. Ci sono dei monaci che alloggiano qui per i prossimi due giorni e “ci sarà casino a ogni ora del giorno”.
Dei monaci che fanno casino?! Ci guardiamo in faccia e diciamo che la situazione ci piace! 😅
Prendiamo la camera, la stessa della volta scorsa, quella all’angolo con due bei finestroni che riscaldano più facilmente la camera. Siamo i soli ospiti di tutta la struttura, oltre ai monaci. Questo vuol proprio dire che la stagione sta per finire e i gestori ci confermano che al massimo entro due settimane tutte le strutture saranno chiuse.
Ci facciamo una bellissima doccia ultra bollente e ultra meritata (ovviamente di usare il phon non se ne parla neanche e la stufa in sala da pranzo è pure spenta! 😩) e poi ceniamo con due bellissimi piattoni di pasta alle verdure e un’ottima apple pie. 🥧😍
Finiamo la serata riscaldandoci con un bel pot bollente di tè allo zenzero. 🍵
Quasi non ci crediamo. Anche oggi ce l’abbiamo fatta. È stata dura, davvero dura. Ma ce l’abbiamo fatta. 💪🏻 💕
Ema e Lisa

Ema e Lisa

LEAVE A COMMENT